Passeggiando per l’Avana con Hemingway

 

Ernest Hemingway  arrivo’ a  Cuba nel  1928 , con la sua famiglia per una breve sosta , ma la sua passione per la pesca e il mare lo fecero tornare fino a innamorarsi dell’isola.

Quando veniva alloggiava   all’Ambos Mundos Hotel e  osservava la vita  del luogo , pescatori , balli , l’atmosfera cubana che ancora oggi si respira , mista di allegria e indolenza , l’odore dl rum , del tabacco e del mare  … tutto cio’ ha ispirato le pagine di Per chi suona la campana

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cosi’ nel 1940 acquisto’ una casa , Finca LaVigia, “fattoria belvedere” (in località San Francisco de Paula),

 

Finca LaVigia, oggi e’uno dei Musei più visitati dell’isola. E’ una casa colonica con attorno 15 ettari di terreno. Ancora adesso tutto  e’ stato lasciato come allora , persino la tavola apparecchiata , i libri , quasi diecimila! Il panfilo El Pilar ,  i trofei di caccia e pesca e poi documenti, fotografie , opere d’arte e  la sua macchina da scrivere.

img_7412

Le tombe di cani di Hemingway , che amava molto Black, Negrita, Linda e Neron. si trovano vicino la sua barca.

 

 

 

 

 

 

 

 

Qui Hemingway ha vissuto quasi vent’anni contornaniandosi tra l’altro,  di decine  di gatti e qui ha scritto alcuni tra  i suoi libri piu’ famosi :Per chi suona la campana e Il vecchio e il mare.

Era un vecchio che pescava da solo in una barca persa nella corrente del golfo, ed erano ormai ottantaquattro giorni che non riusciva a catturare un pesce.

Il vecchio e il mare, Ernest Hemingway

Hemingway nel 1953 nella sua casa a Finca Vigia, San Francisco de Paula, Cuba. Alle sue spalle un ritratto di Waldo Peirce intitolato “Balzac bambino” del 1929 (Ernest Hemingway Collection. John F. Kennedy Presidential Library and Museum, Boston)

“Uno vive su quest’isolaperché per andare in città non devi fare altro che metterti le scarpe, perché basta mettere un giornale sul telefono per non sentirlo quando suona, e perché nella frescura del mattino si lavora meglio e con maggiore comodità che in qualsiasi altro posto». Cosi’ scriveva Ernest Hemingway .

Sei chilometri ad est dell’Avana si trova invece Cojimar, un piccolo villaggio di pescatori  conosciuto grazie a  Hemingway.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

E’ nel porto di questo villaggio che lo scrittore ormeggiava con il suo yacht El Pilar.

 

 

 

A Cojimar viveva anche Gregorio Fuentes,  pescatore e gran  bevitore di rum , morto da poco all’eta’ di 104 anni .Famoso perche’ a lui si ispiro’ lo scrittore per il personaggio di Santiago, il protagonista de il suo Il vecchio e il mare , che gli valse il Nobel  letteratura nel 1954.

 

Ci si puo’ fermare a mangiare a  la Terrazza di Cojimar,  qui  Hemingway veniva molto spesso e, chissa’ se ancora oggi si puo’ incontrare qualche vecchio avventore che lo ricorda seduto ad un tavolo a bere  il Trago Hemingway, con rum, pompelmo, e lime, uno dei suoi cocktail preferiti.

 

 

 

Visitando il  centro storico dell’Avana, dichiarato Patrimonio dell’umanità dall’Unesco, , troviamo tanti edifici in stile  in stile coloniale spagnolo, il Palacio de los Marquéses de Aguas Claras, che si affaccia sulla Plaza de la Catedral e il Palacio de los Capitanes Generales,nella Plaza de Armas.

 

Sapete com’è la mattina presto là all’Avana, coi vagabondi che dormono ancora contro i muri dei palazzi, prima che arrivino i furgoni col ghiaccio per i bar ? Avere e non avere , Ernest Hemingway

avana_vieja_cuba

Qui troviamo anche la famosa  Bodeguita del medio,  frequentato da Ernest Hemingway, ma non solo , e’ stato un locale molto vissuto degli anni ”40. Ci venivano da  Fidel Castro, a Salvador Allende a  Pablo Neruda.

 Angel Martinez , di origine spagnola   nel 1942 compro’ il locale e lo trasformo’in un ristorante tipico cubano e cosi’ dopo la rivoluzione, fu lui che invento’ il mojito, che divenne il  simbolo dei  cocktail cubani.

 

Sulla parete la famosa targa di Hemingway : My mojito in La Bodeguita, My daiquiri in El Floridita”.

 

cuba-bodequitas-hemingway-sign

Oggi e’ meta di tanti turisti , ma conserva ancora il fascino e l’atmosfera calda dell’epoca

la-bodeguita-del-medio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

E poi c’e’ il mare , con  la passeggiata sul lungomare ,  uno dei piu’ belli che vi capitera’ di vedere specie la tramonto .

cubatumblr_lh1vkhQibl1qcwmkyo1_500

 

 

 

 

 

 

 

 

Commenti chiusi