Il Gran Tour

CON GOETHE, SULLA VIA APPIA: ROMA – GAETA

Come Goethe, Andersen, Madame de Stael o tanti altri famosi o meno viaggiatori del Grand Tour di secoli orsono, riprenderemo quella parte di viaggio che inizia con la scoperta della Roma classica per continuare poi con il “viaggio della conoscenza”, verso il meridione, lungo la “regina viarium”, la Via Appia, dalle porte dell’Urbe, dritti giù fino a Gaeta, passando per i castelli romani, l’agro pontino, un tempo palude, il Circeo, Terracina, Fondi. Scopriremo cosi, oggi come allora che tra Roma e Napoli c’è una terra viva, raccontata nel mito da Omero e Virgilio, e da tanti altri poeti e scrittori in un intreccio di leggende, storia e natura. Un itinerario lungo un paesaggio ancora affascinante e ricco di testimonianze.

6 giorni (5 notti)

 Roma, la Via Appia, Circeo, Terracina, Fondi, Gaeta,  Abbazia di Fossanova, Sabaudia.

Come il Grand tour con  Goethe, Andersen, Madame de Stael o tanti altri famosi o meno viaggiatori del Grand Tour di secoli orsono, riprenderemo quella parte di viaggio che inizia con la scoperta della Roma classica per continuare poi con il “viaggio della conoscenza”, verso il meridione, lungo la “regina viarium”, la Via Appia, dalle porte dell’Urbe, dritti giù fino a Gaeta, passando per i castelli romani, l’agro pontino, un tempo palude, il Circeo, Terracina, Fondi. Scopriremo cosi, oggi come allora che tra Roma e Napoli c’è una terra viva, raccontata nel mito da Omero e Virgilio, e da tanti altri poeti e scrittori  in  un intreccio di leggende, storia e natura. Un itinerario lungo un paesaggio ancora affascinante e ricco di testimonianze.

Programma di Viaggio:

1° giorno:

“Finalmente anchio in Arcadia” ; Roma classica

In mattinata accoglienza a Roma,in Aeroporto e/o Stazione Termini o Hotel, della Guida-Cantastorie multilingue,  trasferimento e sistemazione in Hotel. Nel pomeriggio, come Goethe o uno dei tanti viaggiatori del Grand tour, gli ospiti inizieranno un viaggio alla scoperta della  classicità nella città eterna. Visita guidata del Foro e del Colosseo, Piazza Venezia, il Campidoglio. Cena e pernottamento.

2° giorno:

Roma classica

Dopo colazione, riprende il Grand tour, il viaggio della conoscenza della Roma classica con i suoi monumenti più famosi, attraverso le pagine di poeti e letterati, noti e meno.Visita, di Fontana di Trevi, Piazza Navona, San Pietro. Pranzo in hotel e nel pomeriggio tempo libero  a disposizione per visite facoltative o per lo shopping. Serata libera. Pernottamento 

3° giorno:

Roma e la “Regina viarium” : la Via Appia dall’Agro Pontino a Roma

Colazione, i “Viaggiatori”, accompagnati dal cantastorie, raggiungeranno l’antica “regina viarum”, la Via Appia, e inizieranno il viaggio, il Grand tour verso il sud. Lasciato alle spalle il tratto più famoso della Via Appia raggiungeremo Ariccia, qui esiste ancora la Locanda Martorelli dove Goethe come altri viaggiatori descrivono la loro sosta per rifocillarsi durante il viaggio. Ma il nostro pasto sarà proprio la dove 2000 anni dopo, nello stesso posto dove c’era una stazione di posta romana, c’è ancora la possibilità di mangiare presso il suggestivo “Foro Appio Mansio Hotel”. In quello stesso luogo descritto da Orazio e da
i tanti artisti viaggiatori del Grand Tour.

Nel pomeriggio  a Fogliano viaggio teatrale :

“Finalmente in Arcadia”… nella natura del Parco Nazionale del Circeo, con il Parco Culturale Letterario “Omero”,  visita del borgo di Villa Fogliano, antica resi
denza dei Caetani, l’omonimo lago e inizio del “Viaggio teatrale: 
“Seduzioni…a Fogliano” (con gli attori e il “cantastorie-guida”).  Con questo Viaggio Teatrale il cantastorie riprende la tradizione della famiglia Caetani di accoglienza di uomini di cultura nei loro palazzi di Roma o a Villa Fogliano con il suo straordinario gi
ardino e il fascino “seducente” del luogo: un oasi nella palude pontina.

In seguito, con un breve spostamento, sempre nel Parco Nazionale del Circeo, il cantastorie farà scoprire i segreti dei suggestivi ambienti naturali dell’area protetta, così simili a quelli che i tanti viaggiatori de il Grand Tour ebbero l’occasione di vedere.

Arrivati a Sabaudia sistemazione presso l’Hotel , adagiato sulla duna costiera, cena e pernottamento…un meritato riposo!

4° giorno:

Le bonifiche: Abbazia di Fossanova e Sabaudia

Colazione.  Dopo la storia nei secoli intorno la Via Appia, con piccole deviazioni da questa,  un viaggio nel cuore della pianura pontina, tra “campi fecondi” dove un tempo regnava la palude. Un viaggio intorno alle bonifiche, un percorso nel tempo dal medioevo dei monaci cistercensi alla trasformazione del territorio nel ‘900 e alla nascita delle città nuove.  Visita dell’abbazia di Fossanova, primo mirabile esempio in Italia di architettura gotico-cistercense in cui morì il grande S. Tommaso d’Aquino.

Ore 12.00 visita di Sabaudia, modello dell’architettura razionalista, città nuova nata a seguito della bonifica delle mortifere Paludi Pontine, città del Parco Nazionale del Circeo.

Ore 13.00 Pranzo in ristorante, sul Lago di Paola.

Nel pomeriggio navigazione, con un battello, di tutto il lago da Sabaudia sino alle pendici del Promontorio del Circeo, descritto da tanti scrittori de il Grand tour. Sbarcando, un’occhiata interessata a Sabaudia città nuova, nata nel 1934 in seguito alla bonifica della Palude Pontina. Cena e pernottamento

 

5° giorno:

Dallo “Stato Pontificio” al “Regno delle due Sicilie”, attraverso la terra di nessuno: Terracina, Fondi, Gaeta

Colazione. I “Viaggiatori” e  il Gran tour, con il cantastorie, riprenderanno la Via Appia verso sud. A Terracina, “visita letteraria” nel centro storico della città: Foro, Capitolium, Teatro romano, Case-torri medievali, Cattedrale di San Cesareo, cammino di ronda delle antiche mura ecc. Una città ricca di storie da raccontare, la vera “capitale” delle paludi pontine, città di frontiera.

Spostamento lungo la Via Appia, tra Portella ed Epitaffio, le dogane di confino, in mezzo la terra di nessuno, il regno dei briganti! A seguire, panoramica di Fondi, con le mure romane e il Castello Caetani sullo sfondo. Infine arrivo a Gaeta e visita del quartiere medievale di S. Erasmo, con lo splendido Campanile normanno del Duomo e il Castello reso famoso ai più per il noto carcere militare oramai dismesso. Gaeta è una della più belle e interessanti città della provincia di Latina e il cantastorie avrà il compito di svolgere le innumerevoli “pagine incantate” della sua ricca storia e delle tradizioni.

Pranzo in ristorante con gli ottimi piatti tradizionali della cucina locale.

Visita del Santuario della Montagna Spaccata. Luogo di profonda venerazione, frequentato da santi e papi di ogni epoca, da San Francesco a Papa Paolo Giovanni II, ma anche di particolare suggestione paesaggistica, con le sue “miracolose” fenditure e le grotte affacciate sul mare dal blu intenso.

Prima di ripartire, una passeggiata nella caratteristica Via Indipendenza, il vecchio borgo dei pescatori “fuori le mura”, fino al mercato del pesce in attesa del pescato sbarcato dalle “Paranze” appena arrivate.

Ore 19.00 circa, inizio rientro in Hotel per cena e pernottamento.

 

6° giorno:

Sulla via del ritorno a ritroso nel mito della nascita di Roma attraverso la terra dei padri latini e dello sbarco di Enea, Ardea, Lavinium, Ostia

Colazione. I “Viaggiatori”, con il cantastorie, riprenderanno la via del ritorno, lungo la costa, un ritorno alle origini di Roma, al mito della nascita. Ecco allora la terra dei latini descritta da Virgilio nell’Eneide. I luoghi dello sbarco di Enea, i resti del suo mito, della guerra con i Rutili di Ardea e l’incontro con il re Lavinio. Visita di Ardea, di Pratica di Mare a Pomezia, e infine alla foce del Tevere presso Ostia, un porto come degna conclusione del viaggio lungo con il Grand tour, il nostro approdo finale. Pranzo in ristorante. Trasferimento per partenza, saluti.

________________________________________________________________________________

Condizioni di partecipazione per gruppo min 25 / max 50 pax

Quota: a partire da 450,00 euro a persona

La quota comprende: sistemazione hotel 4 stelle a Roma e 4 stelle a Sabaudia, in mezza pensione, pranzi in ristorante come da programma, 1 Guida-Cantastorie per la durata del soggiorno e attori per il “Viaggio Sentimentale”,  ingressi riserve naturali e area archeologica.

La quota non comprende: trasporti, le bevande, gli extra, i trasporti, quanto non espressamente descritto nel programma.

Organizzazione Tecnica: Adv RAVINALTOUR di Roberto Perticaroli

Commenti chiusi